mercoledì 3 novembre 2010

Janeites.. orgine e storia del termine!

Raccontiamo un pò da dove deriva questo termine che usiamo tutti i giorni.. (è importante!)

Una piccola ricerca, con un pizzico di "mio"che spero contenga una giusta interpretazione dei testi inglesi da cui ho tratto queste parti!

Le Janeites.. divise in tre Scuole di Pensiero

Natalie Tyler in "The Jane Austen Friendly" divide gli appassionati di JA in tre gruppi di Janeites: coloro che appartengono alla Jane Gentle School (Corrente Scolastica); coloro che appartengono alla Jane Subversive School (Corrente Sovversiva), e quelle che appartengono alla Jane Ironic School (Corrente Ironica).

Ma lascia intendere, in tono umoristico, che le cose in questa suddivisione sono raccontate "solo in parte": infatti la Tyler pensa soprattutto che le Janeites vedano Jane Austen come 'cibo confortevole' per le loro menti! (E come darle torto?!)

EM Forster stesso, (A Passage to India) ha ammesso che era questo tipo di Janeite!


Origini del termine "Janeites"

(Pensate, il termine ha un passato storico importantissimo.. e molto di più di cibo per la mente .."cibo per sopravvivere" oserei dire!)

'Janeites' Il termine fu usato per la prima volta dal critico, George Saintsbury, in una introduzione alla Orgoglio e Pregiudizio. Tuttavia, è stata la storia di Rudyard Kipling 'Il Janeites' per eccellenza, che ha reso celebre il nome.


La Storia

La storia riguarda un soldato semplice senza istruzione e cameriere nelle mense, che nelle trincee leggeva i romanzi di Jane Austen, in modo da potersi unire alla 'società segreta' di ufficiali che la leggeva. (Una sociatà segrata di ufficali che legge JA..ve la immaginate!? E noi che pensavano che fosse un'impresa impossibile avvicinarli a Jane!)

In un primo momento Humberst non amò i suoi romanzi, ma alla fine divenne un grande fan. Ironia della sorte, quando la guerra finì, la lettura di Jane Austen gli ricordava la fratellanza e il cameratismo che aveva trovato in trincea. Humberst lodava questa qualità lenitive di JA: "Non c'è nessuno che possa eguagliarsi a Jane, quando sei in un posto stretto." (E' bellissimo pensarlo e chi avrebbe detto che la cara Jane, sarebbe scesa in trincea!?)

Mr. e Mrs. Kipling (Il libro nella Giungla) hanno anche loro trovato consolazione leggendo i romanzi di Jane Austen, quando il loro figlio morto nella prima guerra mondiale. Veterani traumatizzati è stato consigliato di leggere la Austen per aiutarli a superare la loro malattia, causata dagli orrori della guerra. (Questo è davvero importante.. Vi rendete conto che mente grandiosa abbiamo di fronte?!)

Vi lascio di seguito anche un volume (credo che esista pubblicato solo in Inglese) per approfondire la tematica JANEITES, di cui ho letto ottime recensioni.


Janeites: Austen's disciples and devotees di Deidre Lynch

'Janeites: Austen discepoli e devoti'

"Lynch rivela come Jane Austen abbia ispirato una vasta gamma di lettori, da coloro che cercano un amico a chi cerca sollievo dagli orrori della guerra. (...)" (Come abbiamo scoperto!)

Jill Heydt-Stevenson, The Wordsworth Circle

"Un libro straordinariamente avvincente ed importante, il genio di questa collezione dipende in parte dalla sua concezione: dimostra infatti come in ogni momento storico, dopo la pubblicazione iniziale dei romanzi di Jane Austen, ci siano stati diversi tipi di pubblico, che hanno allegato agli stessi romanzi, significati assolutamente 'diversi'. (...)"

Patricia Meyer Spacks, Università di Virginia


Il nostro semplice pensiero sulle Janeites :

"Chi conosce le Janeites - da Janetism, la corrente che racchiude le amanti di Jane Austen! - sa che può, anzi deve, aspettarsi solo idee brillanti e geniali, in termini di eventi, arte, passione, creatività, ingegno letterario, balli tradizionali, abiti confezionati con cura, attenzione ai dettagli appartenti ad un mondo lontano, che crea immaginazione e sogno nella vita di ciascuna. Concordo con chi pensa non ci sia nulla di male nel considerare Jane 'cibo per la mente che consola'; la lettura e la letteratura più in generale è anche questo! Jane in modi diversi ha cambiato e arricchito le nostre vite, fiere di essere Janeites, quanto quel soldato semplice in trincea, fiere anche noi che combattiamo le nostre piccole battaglie quotidiane, come Lizzy lo faceva tra le mura di casa Bennet, e prima di lei come la stessa Jane Austen faceva, in un secolo dove occorreva farsi spazio a forza per 'sopravvivere' in una società che le andava stretta!"

J.C.

1 commento:

  1. Interessante approfondimento! Voglio fare i miei complimenti per il blog e per tutte le belle iniziative del club!

    ;-)

    RispondiElimina

Il Club "Sofà and Carpet" di Jane Austen's Fan Box